Sulle tracce dell'Universitas civium del Mezzogiorno d'Italia:
l'epigrafe della fontana del '500

Il testo dell'iscrizione lapidea

Deo pr(a)esule DeiPara Duce sumptu publico, aere communi, civium labore, sed solertia Domini Terentii Castell(a)e U.I.D.Decurionis pr(a)ecipua; M.(agnifi)cis Eugenio Spina, Brandolo Pantoliano, Pacilio de Lisa collegis, ac Donato Salamone Sind(aco). Ex lapidicina, Montis Serrae, padulana huc fons advheitur et illinc Egregiorum opera Artificum hic construita a calendis Iuliis ad Idiis septemb., Illustrissimo Don Ioannes Baptista Caracciolo Buigentien. Marchione iubente et Domino.

ANNO 1593

La traduzione

Essendo Dio padrone e Maria guida, con la spesa pubblica, con il denaro comune, con il lavoro dei cittadini ma per l'interesse particolare del Decurione Signor Terenzio Castella (Dottore in entrambi i Diritti); grazie all'impegno dei Magnifici Eletti del popolo Eugenio Spina, Brandolo Pantoliano, Pacilio de Lisa e del Sindaco dell'UniversitÓ Donato Salamone, dalla cava del Monte Serra di Padula questa fonte Ŕ stata trasportata e qui, per opera di egregi artisti, Ŕ stata costruita dalle calende di Luglio ai primi giorni di Settembre, mentre Ŕ Signore del territorio Don Giovanni Battista Caracciolo Marchese di Brienza.

ANNO 1593

Fontana del sec. XVI - Particolare (Medusa)